STORIA DELL'EUROPA MODERNA

Crediti: 
6
Settore scientifico disciplinare: 
STORIA MODERNA (M-STO/02)
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

italiano

Obiettivi formativi

1. Conoscere approfonditamente l’argomento collocandolo nel contesto della storia europea del tempo.
Comprendere e saper utilizzare testi di storia.
Saper confrontare e valutare criticamente le diverse interpretazioni del tema studiato.
2. Saper applicare le modalità di comprensione del tema studiato alle problematiche contemporanee.
Saper redigere testi facendo uso di fonti storiografiche e documentarie e applicando i metodi appresi nel corso.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso affronta ogni anno un tema diverso di particolare rilevanza nella storia europea nel suo complesso o in quella di uno o più paesi europei. Ad esempio: «Cristianità e Islam nel Mediterraneo dell’età moderna» oppure «L’Inghilterra dei Tudors».
Le prime lezioni sono dedicate a un riepilogo degli aspetti generali del periodo. Successivamente l’esposizione si focalizza sul tema prescelto fornendo le informazioni preliminari necessarie, illustrando le problematiche dell’argomento, presentando e commentando le letture proposte.

Bibliografia

Un testo di carattere manualistico o di informazione generale sul tema trattato e uno o più testi di approfondimento (a seconda dei casi, una scelta di saggi o un libro) su uno o più aspetti specifici dello stesso tema.

Metodi didattici

Lezioni frontali accompagnate dall’utilizzo di strumenti multimediali (proiezione di dvd, ascolto di musica).

Modalità verifica apprendimento

1. Discussione collettiva in itinere dell’argomento del corso, volta ad accertare il livello di comprensione da parte degli studenti.
Esame finale o in modalità scritta (consistente nella risposta argomentata a una serie di quesiti) o in modalità orale.
2. L’esame finale intende accertare il livello e la qualità di informazione e comprensione riguardo all’argomento studiato e la capacità di collegarlo a problematiche della contemporaneità.
3. La valutazione terrà conto della correttezza delle risposte e delle capacità argomentative dello studente. Il punteggio massimo sarà di 30 punti. Per superare l’esame occorre conseguirne almeno 18.